FORUM ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA LUPI DEL MONCENISIO SOFT-AIR
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Un po' di storia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1743
Data d'iscrizione : 13.07.09
Età : 38
Località : Nole (TO)

MessaggioTitolo: Re: Un po' di storia   Ven 20 Nov 2009, 20:40

La storia vera dei Lupi:

Inquadrati nella GAF Guardia Alla Frontiere sotto il comando del Maggiore Boccalatte, si guadagnarono l'appellativo di "Lupi del Moncenisio" nella storia della II Guerra Mondiale sul fronte occidentale contro la Francia, come segue...

Citazione :

Il settore del Moncenisio era stato affidato al I Corpo d'Armata del generale Vecchiarelli, che schierava in prima linea le divisioni Superga e Cagliari, cui erano affiancati cinque battaglioni alpini (Val Fassa, Val Dora, Exille, Val Cenischia e Susa); alla divisione Pinerolo spettava il compito di copertura del fianco sinistro dello schieramento, alla Brennero ed al Raggruppamento Celere quello di riserva.

Il piano di azione prevedeva un movimento offensivo su tre colonne. La prima, costituita dal battaglione alpino Susa e dal XI battaglione Camicie nere, partendo da Col Chapeau, nei pressi del Rocciamelone, doveva discendere attraverso la Valleé du Ribon fino a Bessans e quindi entrare in Val d'Arc per spingersi poi fino a Lanslebourg, ai piedi della rotabile del Moncenisio: il comando era affidato al maggiore Boccalatte.

Al centro cinque battaglioni della Cagliari dovevano passare il confine attraverso il colle del Piccolo Moncenisio e puntare su Bramans, per tagliare in due la Val d'Arc, il battaglione alpino Val Cenischia doveva appoggiare il fianco sinistro della colonna puntando ad ovest di Bramans, un battaglione del 64 reggimento doveva infine impegnare frontalmente le difese francesi del Moncenisio. Di rinforzo erano schierati due battaglioni del 231 reggimento ed il IV battaglione carristi.

Sulla sinistra, la divisione Superga ed i tre battaglioni del 3 Gruppo alpini (Val Fassa, Val Dora e Exille) dovevano puntare su più colonne verso Saint Michel de Maurienne per tentare di chiudere in una sacca tutte le truppe francesi schierate a monte lungo la Val d'Arc.



Artiglieria con cannone d 75/27 pronto ad aprire il fuoco

Le ostilità in questo settore vennero aperte alle 13 del 21, un'ora più tardi rispetto al previsto; mentre le artiglierie battevano efficacemente le postazioni a ridosso della frontiera, il maggiore Boccalatte cominciò la sua discesa nel Valleé du Ribon: in seguito si mossero anche le altre colonne. Nel tardo pomeriggio quella centrale, oltrepassato il Piccolo Moncenisio, giunse a Le Planey ed a La Viliette; lungo la rotabile del Moncenisio due compagnie della GAF ed il battaglione del 64 si erano scontrati duramente con le difese francesi: una compagnia era anche riuscita a penetrare a Lanslebourg ma era rimasta completamente isolata. La divisione Superga fu fermata dal tiro di sbarramento delle artiglierie francesi. Solo il Val Dora era riuscito a compiere una penetrazione verso Fourneaux attraverso il Col de la Pelouse, in serata si attestò nei pressi di Mont Rond.

I francesi, avvistato il movimento aggirante del maggiore Boccalatte, decisero di sgomberare Bessans e di far ripiegare tutte le truppe mobili oltre Bramans. Lungo la rotabile rimanevano attive le opere permanenti di la Petit Turra, le Revet, les Arcellins e di Cima della Nunda; quest’ultima venne conquistata durante la notte da una coraggiosa compagnia della GAF.

Le operazioni del giorno successivo vennero aperte da un bombardamento sulle postazioni francesi del Moncenisio, e soprattutto su la Petit Turra. La compagnia della GAF che nel corso della notte aveva conquistato la Cima della Nunda, guadagnandosi l'appellativo di "Lupi del Moncenisio", con un analogo colpo di mano si impadronì nel pomeriggio del moderno fortino di les Arcellins



dedicato a mio nonno

_________________
Lima
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.lupidelmoncenisio.com
 
Un po' di storia
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» La storia scritta sulle nostre auto
» Storia dei motori Harley Davidson
» Piatto 98" Head = 95" Wilson.. Che storia è?!?!?!
» La storia della Yamaha
» La storia della BMW

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
FORUM Lupi del Moncenisio SOFT-AIR :: Sezione Generale :: Forum Generale-
Andare verso: