FORUM ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA LUPI DEL MONCENISIO SOFT-AIR
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Domenica 11/07/2010 EVENTO mil-sim FTHR "LA VETTA DELLA VITTORIA" - Barbania (TO)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1743
Data d'iscrizione : 13.07.09
Età : 38
Località : Nole (TO)

MessaggioTitolo: Domenica 11/07/2010 EVENTO mil-sim FTHR "LA VETTA DELLA VITTORIA" - Barbania (TO)   Gio 17 Giu 2010, 17:46

La vetta della vittoria
IL VENTO DEL PACIFICO Part 2

Ore 18:00 11 Aprile 2010 Papeete

La coppia di AH1-S Cobra volteggiava agile come una vespa sopra i tetti di Papeete; il tenente Donher e Williams pilotavano i due elicotteri per raggiungere Aveneue Georges Clemenceau, dove un gruppo di francesi stava dando filo da torcere ai marines nella zona.
“Qui Eagle 1, in avvicinamento alle piscine” Donher trasmise l’informazione al plotone dei marines a terra, posizionati dietro l’M1A1 danneggiato nei cingoli che stazionava di fronte alle ville con piscina da cui provenivano i proiettili dei tiratori francesi. Kruker era sul LAV25 comando nella via perpendicolare ed osservava la scena con il binocolo completamente esposto fuori dal mezzo con evidente sprezzo del pericolo.
“Eagle 1, vedi di muovere il culo per sotterrare quei mangiaformaggio che ci stanno facendo perdere tempo. Voglio quelle ville rase al suolo!”
Donher digrignò i denti infastidito dall’arroganza di Kruker; odiava quell’uomo, aveva dei modi barbari a suo giudizio. Il suo Cobra e l’elicottero di Williams superarono velocemente la zona portuale, ormai in pieno controllo dei marines statunitensi. Salirono di quota per evitare eventuali agganci da missili antiaerei, il mattino era stato un massacro per l’aviazione. Gli europei erano riusciti a portare una quantità incalcolabile di missili antiaerei nell’isola, spiazzando, di fatto, il comando americano.
La coppia di elicotteri stazionava a seicento metri di quota, con i mitraglieri pronti a vomitare colpi sulle ville ostili.
“Eagle 1 e 2 in posizione.”
“Era ora!” Tuonò Kruker dalla radio
Donher accese gli occhiali da visione notturna; il tramonto era già cominciato, ormai avrebbero combattuto il resto della giornata al buio. Fu allora che il mitragliere aprì bocca “Ho 4 contatti dentro la prima villa a ore 12:00” “Ingaggio” Rispose Donehr
Il mitragliere bersagliò la casa con una lunga raffica di 20 secondi. I 4 uomini caddero come mosche.
“Eagle 2 in ingaggio” Williams avvisò il suo commilitone.
Gli elicotteri crepitavano e colpivano gli obbiettivi a poche centinaia di metri dall’Abrams. I francesi del 2 REP all’interno della casa cominciarono a perire presi in trappola. Fu allora che il sergente Arien ordinò la ritirata del suo plotone, mentre il resto di ciò che rimaneva della compagnia doveva sparare con tutto ciò che avevano a disposizione, seppur feriti.
I marines dietro all’Abrams esultarono alla vista delle ville distrutte dai colpi degli elicotteri; lanciarono un grido di gioia fino a quando non videro partire 6 missili dal retro dalla villa.
“Disimpegno! Disimpegno!” Williams urlò via radio ed agì sulla cloche per spostarsi, ma il MILAN teleguidato da Porientzi, legionario del 2 REP originario serbo e brutalmente ferito alla gamba, colpì in pieno il muso del velivolo, frantumando l’abitacolo in mille pezzi.
Donher si sganciò per evitare i 4 missili contro il suo elicottero ma il rotore impattò contro un pezzo della carcassa del Cobra di Williams mandando in vite il velivolo. Donehr cercò di recuperare ma il Cobra puntò il centro della strada schiantandosi al suolo.
Kruker sbattè un poderoso pugno contro la blindatura del LAV bestemmiando “Dove cazzo è Ramcke con i suoi paracadutisti, cazzo!”
La voce di Ramcke arrivò calma e sicura via radio: “Siamo in posizione, operazione di sbarco cominciata”
I CH53 erano giunti alle spalle dei francesi scaricando velocemente il proprio contenuto: 50 paracadutisti furono a terra in pochi secondi, eludendo ogni attacco da parte dei fanti nemici a terra a corto di munizioni.



Il sergente Arien si ritrovò faccia a faccia con i parà in ACU del maggiore. L’ultima sua speranza erano i fanti italiani in arrivo dalla periferia.

Ore 18:19 11 Aprile 2010 Papeete

Il maresciallo Vizzi faceva avanzare silenziosamente i suoi alpini fra le case semidistrutte di Pater. La richiesta di soccorso lanciata dai francesi suonava disperata; era la prima dall’inizio degli scontri, gli orgogliosi legionari avevano preferito perire senza chiedere alcun aiuto.
L’avanguardia delle sue truppe procedeva velocemente quando avvistarono elicotteri da trasporto in lontananza. Il capitano Corsi fece bloccare la pattuglia giusto poco prima di essere bersagliati dai parà statunitensi. Lo scontro fra alpini e parà era appena cominciato.
Gli alpini risposero al fuoco celermente abbattendo molti nemici, ma non fu abbastanza. L’arrivo di un Abrams complicò drasticamente la situazione per gli italiani, che con i loro Panzerfaust III dovevano contrastare le 68 tonnellate e il cannone da 105 mm del carro americano. Gli italiani cominciarono a contare i primi caduti.

Ore 06:19 12 Aprile 2010 Mahina

Le notizie che arrivavano via radio erano più che positive: Papeete e la periferia era totalmente sotto il controllo americano: I delta e i rangers stavano ripulendo le ultime sacche di resistenza degli italiani. Questi ultimi stavano bloccando l’avanzata americana su tutto il fronte: solo la rapidità delle forze speciali americane aveva rotto questo cordone di sicurezza. White era rassicurato da questo; sapeva che i suoi potevano dedicarsi più facilmente ai propri obbiettivi, il maggiore Mc Tower e il colonnello Novero.
Avevano marciato tutta la giornata precedente aggirando accuratamente ogni presidio ed ogni civile sulla cittadina, portandosi sempre di più sull’entroterra dell’isola secondo le indicazioni provenienti dalla Wasp a 80 miglia di distanza. Per ora la situazione non aveva dato nulla di eccitante, di fatto White si sentiva un po’ inutile fuori dall’azione. Si era assestato sul villaggio al cima del monte sopra Mahina, doveva osservare ogni movimento di mezzi civili perché avrebbero potuto celare al proprio interno gli ufficiali europei.
Decise di completare la salita per portarsi all’ultima casa del villaggio,visto che il cielo cominciava a minacciare pioggia. Il buio avrebbe coperto i loro movimento per pochi altri minuti, dovevano sfruttare l’occasione. Non percorse più di 500 metri quando avvistò un inglese in osservazione dentro una delle case di legno della cittadina. Si congelò e chiamò i sue due esploratori per scandagliare accuratamente la zona. I due marines si mossero rapidi mentre cominciava ad alzarsi un forte vento misto a piovasco. Tanto meglio, questo avrebbe disorientato eventuali difensori nella zona.
Il suo esploratore fece qualche metro, quando la sentinella inglese si girò di scatto per puntare il fucile; White gli sparò contro con la sua arma per azzerare la minaccia.
L’ingaggio con la scorta di Mc Tower era cominciata.



Ore 08:15 12 Aprile 2010 Pirae

“Papeete è perduta, dobbiamo ripiegare sulle montagne” Novero trasmise l’ordine alla sua scorta e ai comandati sottoposti. Mc Tower rispose via radio che erano in movimento, ma avevano lasciato un manipolo di uomini per un contatto con le truppe statunitensi.
Gli ufficiali europei erano affranti per quanto successo nella giornata precedente, ma il tifone in arrivo aveva risollevato il morale perché avrebbe estromesso le operazioni aeree americane per un bel pezzo.



Tahiti era ancora in gioco: la vittoria americana era incompleta, mancavano ancora il nucleo di difesa europeo. La flotta francese sottomarina stava raggiungendo l’isola nella speranza di lanciare un colpo mortale alla flotta americana della Reagan. La pedina pacifica era la svolta per le forze USA. La battaglia era da conquistare fra le vette dell’isola.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

In collaborazione con:

Comune di Barbania
A.S.D. Lupi del Moncenisio
A.S.D. Wardog

è in programma il seguito della milsim FTHR sys IL VENTO DEL PACIFICO bruscamente interrotta dal meteo, in data 11/07/2010 a Barbania (TO)

SONO INVITATE TUTTE LE A.S.D. DEL CIRCUITO FTHR




Sarà a disposizione dell'evento nuovamente la piazza del Comune di Barbania per l'allestimento scenografico a scopo promozionale di un centro comando e campo per il pernotto in tenda.

SARA' DISPONIBILE A TUTTI UN POLIGONO DI TIRO PER PROVARE LE ARMI GIOCATTOLO ASG DA SOFTAIR

ACCORRETE NUMEROSI

_________________
Lima


Ultima modifica di Admin il Sab 12 Dic 2015, 19:39, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.lupidelmoncenisio.com
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1743
Data d'iscrizione : 13.07.09
Età : 38
Località : Nole (TO)

MessaggioTitolo: Re: Domenica 11/07/2010 EVENTO mil-sim FTHR "LA VETTA DELLA VITTORIA" - Barbania (TO)   Gio 17 Giu 2010, 17:49


_________________
Lima
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.lupidelmoncenisio.com
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 1743
Data d'iscrizione : 13.07.09
Età : 38
Località : Nole (TO)

MessaggioTitolo: Re: Domenica 11/07/2010 EVENTO mil-sim FTHR "LA VETTA DELLA VITTORIA" - Barbania (TO)   Sab 17 Lug 2010, 08:50

POSTO ALCUNE FOTO PRESENTI SU FACEBOOK DELL'EVENTO












_________________
Lima
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.lupidelmoncenisio.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Domenica 11/07/2010 EVENTO mil-sim FTHR "LA VETTA DELLA VITTORIA" - Barbania (TO)   

Tornare in alto Andare in basso
 
Domenica 11/07/2010 EVENTO mil-sim FTHR "LA VETTA DELLA VITTORIA" - Barbania (TO)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» La dorsale del triangolo Lariano Bis - Domenica 8 Agosto 2010
» Domenica 1/8/2010- sulle Alpi: Maloja...St.Mortiz...Bernina.
» Giro dello Sciliar (BZ) - Domenica 25 luglio 2010
» Giro in val D'Ayas (domenica 08/08/2010)
» Domenica 2 febbraio un evento da non perdere firmato Rock's 4x4!(+REPORT)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
FORUM Lupi del Moncenisio SOFT-AIR :: Sezione Generale :: Forum Generale-
Andare verso: